Contributo per acquisti da imprese creative

Con decreto del 30/05/2022 (CAPO III) il MISE mette a disposizione un contributo a fondo perduto per le aziende che vogliono acquisire servizi specialistici erogati da imprese creative.

Il valore del contributo pubblico - che è gestito in regime de minimis - ammonta a un massimo di € 10.000,00 e può incidere per non più dell'80% del costo sostenuto dall'impresa. 


SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili alle agevolazioni le iniziative finalizzate all'introduzione nell'impresa di innovazioni di prodotto, servizio e di processo e al supporto dei processi di ammodernamento degli assetti gestionali e di crescita organizzativa e commerciale, attraverso l'acquisizione di servizi specialistici nel settore creativo. I servizi specialistici devono:

A) essere erogati da imprese creative (con codici Ateco riportati a seguire);
B) essere oggetto di un contratto sottoscritto dopo la presentazione della domanda di agevolazione entro tre mesi dalla data di concessione delle agevolazioni;
C) avere ad oggetto i seguenti ambiti strategici:


COME PARTECIPARE

Le agevolazioni sono concesse sulla base di una procedura valutativa con procedimento a sportello.
La domanda può essere compilata e presentata in base al seguente calendario: Per presentare la domanda bisogna essere in possesso di una identità digitale (SPID, CNS, CIE), disporre di una firma digitale e di un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) del legale rappresentante dell’impresa.
 

DOCUMENTI UTILI

Per visionare il Decreto del 30/05/2022 (vedere CAPO III)
In particolare, leggere bene:
I criteri di valutazione
I dettagli sulle spese ammissibili

Vedi inoltre:
La lista dei codici ateco ammissibili fra le aziende fornitrici